La Fossa delle Marianne sarà il set sottomarino di AVATAR 2 e 3!

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

Alcuni rumors che circolano nell’ambiente del cinema, diffusi  lo scorso anno dal Sunday Times e dall’agenzia WENN, riporterebbero che il regista James Cameron starebbe facendo progettare un sottomarino per scendere nella Fossa delle Marianne e riprendere i suoi fondali in tecnologia 3D. L’obiettivo? Utilizzare il materiale per Avatar 2 e 3, i due sequel del pluripremiato film ambientato nel magico mondo di Pandora, fruttato al regista 350 milioni di dollari. Il progetto è di far uscire Avatar 2 il 14 dicembre 2014 e Avatar 3 un anno dopo, il 15 dicembre 2015.

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

A est delle Isole Marianne si trova il punto più profondo della Terra: una lunga depressione nota come Fossa delle Marianne. L’ultima misurazione risale al 2009, quando il robot Nereus guidato da un cavo a fibre ottiche si fermò a 10.902 metri.
L’arcipelago emerge dalle acque del Pacifico Occidentale, fra le Hawaii e le Filippine ed è un vero eden per gli appasionati di immersioni, che qui possono contare su fondali ricchissimi di flora, fauna e relitti risalenti al secondo conflitto mondiale.

Queste isole, colonia statunitense, sono una meta piuttosto lontana e non facile da raggiungere. Non esistono infatti voli diretti tra Italia e Isole Marianne; i principali scali dell’arcipelago sono Guam e Saipan, raggiungibili da Cairn(Australia), Honk Hong(Cina), Honululu(USA), Manila(Filippine), Seul(Corea del Sud), e Tokyo(Giappone) grazie a collegamenti effettuati da Asian Airlines, Continental Airlines, Korean Air, Northwest Airlines. A loro volta queste mete sono collegate al’Europa e all’Italia da Air France, Lufthansa, Qantas, Cathay Pacific, British Airways: tariffe a/r da Milano e Roma per Guam a partire da € 1700 e per Saipan da € 1450 . 

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

Le isole più importanti delle Marianne sono Saipan e Guam; in quest’ultima singolare è la presenza di una statua di Giovanni Paolo II, che compie una rotazione di 360° nell’arco delle 24 ore.

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

Situata tra Guam e Saipan si trova la piccola Rota, di appena 81 kmq; l’isola è famosa per la cordialità dei suoi abitanti, al punto da meritarsi l’appellativo di “isola amichevole“. Si può raggiungere in aereo o traghetto da Saipan e da Tinian(isola a 5km da Saipan, famosa per le sue pietre “latte” ed edifici diroccati che le conferiscono un aspetto quasi fiabesco). Il centro principale è la tranquilla Songsong, città che ospita diverse pietre latte, utilizzate dagli abitanti per decorare i giardini.

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

Tra le tappe obbligate la Tonga Cave: unagrande caverna naturale adornata da stalattiti e formata da tunnel e cavità segrete. Alle sue spalle si eleva il Monte Taipingot, alto 143 metri, soprannominato “torta nuziale” per la sua caratteristica conformazione a gradoni.

powered by WordPress Multibox Plugin v1.4

Rota offre diverse opportuniità agli amanti dello snorkeling e delle immersioni, grazie alle sue acque trasparenti. Consiglio il Dive Rota(532.3377, www.diverota.com), che propone immersioni con le bombole a partire da €40, da €50 per immersioni notturne, uscite snorkeling da € 18, pesca a traina €165 a barca per 2ore, mentre per mezza giornata da € 255.

foto di http://www.flickr.com/photos/18792313@N05/  e di http://www.flickr.com/photos/62275065@N00/

 

Related posts:

  1. ST REGIS BORA BORA: l’Eden Resort del film “L’isola delle coppie”
  2. Neuschwanstein: Il “Castello Delle Favole” vicino Monaco

Be the first to comment

Leave a Reply